Fenomeni paranormali del web 2.0

Ieri il mio muro di casa ha cominciato a riempirsi di macchie. Quando le macule hanno iniziato a comporre delle parole, ho pensato di chiamare un bravo esorcista ma erano tutti occupati a fare un corso di aggiornamento alla Baia Imperiale di Riccione.
Poi, piano piano, le frasi hanno preso a delinearsi, come piccoli serpentelli intelligenti ed ho capito di cosa si trattava: era una normale infiltration, muffa del web 2.0. Ho scattato la foto che vedete e poi me ne sono andato a bere un campari col bianco con il mio poltergeist di fiducia: un tipo non bello ma di spirito che di secondo lavoro fa l’imbianchino, di terzo lavoro raffina l’acquaragia e di quarto lavoro riposa in acquavite.

Infiltration web 2.0

Lascia un commento