Archive for marzo, 2010

Il SEO è morto

Non si è ancora spento l’eco del Festival di Sanremo che mi è apparso il fantasma di un seo nomade e barbuto, che ha iniziato a cantare.

Il seo è mortoHo visto
Gente venuta dalla search andare via
Lungo gli status che non portano mai a niente
Correr su Facebook per rifar la fattoria
Nella ricerca di qualcosa che non trovano sul Google che hanno già
Lungo le serp che di spam sono intasate
Dentro quei footer con le pagine linkate
Lungo le nuvole di tag, nel mondo fatto di friendfeed
Essere bravi a cinguettar la nostra dose di retwitt
E’ un seo che è morto
Ai bordi dell’Adwords, il seo è morto
Nei link comprati a rate, il seo è morto
Nei miti del pagerank, il seo è morto
Mi han detto che questa mia generazione ormai non crede
Nel primo posto sui motori non ha fede
Nei miti eterni dell’on site o del rewrite
Perché è venuto il momento di innalzare tutto ciò che è novità
I falsi account per un’opinione pura
Un Linkedin che ci spinge la carriera
Un indirizzo in Google Maps, un ragazzino che fa buzz
La frenesia di dilungarsi con questo twitt sempre più corto
E’ un seo che è morto
Nei nomi di dominio, il seo è morto
Col tasto condividi, il seo è morto
Le pagine di fans e il seo è morto

Comments (13)