Archive for agosto, 2009

Lo zoom del mostro di Loch Ness

Dopo il presunto avvistamento del mostro di Loch Ness su Google Earth, siamo stati costretti a sospendere le ferie per aiutare la comunità scientifica scozzese a vincere la dipendenza da whisky di malto e a risolvere il mistero che aleggia sulle acque del lago. Grazie a degli zoom supplementari abbiamo colto finalmente la vera natura di Nessie: pensavamo fosse peggio.

Comments (1)

Pausa windsurf

Gli animatori dei Villaggi Bravo mi hanno chiamato a Djerba per tenere un corso di posizionamento sui windsurf. Mi pagano a centimetri quadrati di abbronzatura: se mi vedrete tornare a chiazze bianche e nere vorrà dire che il corso è andato male. Se mi vedrete tornare tutto bianco vuol dire che siamo caduti dalla tavola colpiti da un Googlebot infuriato. Se non mi vedrete tornare, cercatemi al largo dell’Atlantico o in qualche camera d’albergo con ampia vasca da bagno e ventilatore per praticare windsurf in interno.  A presto.

Commenti

I consigli di Berlusconi contro il pessimismo dei seo

Pessimismo e SeoSarà l’effetto del Google Caffeine, che chissà quali pericolosi additivi contiene, ma la stagione estiva non è un toccasana per i seo: da Enrico, profeta della sventura prossima, a FradeFra, incline a umori alquanto saturnini, si spargono sensazioni poco propense all’ottimismo.
A tal proposito, ieri mi ha telefonato Berlusconi: ecco il contenuto dell’intercettazione che mi sono fatto da solo.

S.B.: “Questa storia della pillola, vedremo di risolverla al più presto”
M.K.: “Silvio, ma cosa dici?”
” Ah, non parla Joseph Ratzinger?”
“No, sono Matt Kazz”
“Ah, Matt, mi consenta, ho sbagliato numero. Però ne approfitto per dirle che ho letto gli articoli di Madri e FradeFra e ritengo che
uno, la crisi non esiste
due, contro la malinconia basta toccarsi un po’
tre, invece di Google Caffeine chiamatelo Google Cocaine, così vi tirate un po’ su
quattro, mi riconsenta, o cambia numero lei o lo faccio cambiare al Papa”
“Grazie dei consigli Presidente”
“Eh, è per questo che mi chiamano Presidente del Consiglio, cribbio!”

Comments (9)

Cocktail e bevande Seo per l’estate

Seo CocktailGin Feeds: un quarto di gin, un quarto di Seomoz, un quarto di Tagliaerbe, un quarto di Quarto Oggiaro per essere al passo con la local search.

Aruba Libre: Aruba e rum con una fetta di limone. Da tracannare in dosi industriali per dimenticare tutte le limitazioni seo dei server.

Long Tail Island: vodka, gin, rum bianco e keywords di nicchia. Bisogna berne tanto ma a sorsate piccolissime.

Birra Social: media, perchè se piccola non disseta, se grande gonfia la pancia. Da gustare in compagnia.

Brandy Awareness: chi soffre di scarsa visibilità del marchio potrà affogare il suo dispiacere in un bicchiere di brandy awareness. Dopo il primo sorso si crederà di essere più cool della Coca Cola, dopo il secondo si penserà di essere più noti della Nutella, dopo il terzo si riterrà che chi non beve in una botta è un gran figlio di madre ignota.

Sem On the Beach: in mancanza del Sex On The Beach si può gustare questa variante del cocktail. Si paga in cpc (costo per calice)

Bing Tonic: cocktail rivitalizzante che ha donato nuova energia anche a Bill Gates, il quale, cancellatosi da Facebook, si è dedicato in toto all’alcolismo anonimo.

Comments (4)